ex-@rt magazine 
oltre l'arte
2007

Beni Culturali - Narrativa

INDICE

SOMMARIO




Solo:
dall’Atakor al Grande Erg

 Enrico Abenavoli

Minerva Edizioni, Bologna, 2007
Collana: Fotografia

Isbn: 978-88-7381-192-3

Pagine: 96

Lingua: Italiano/Francese/Inglese

Prezzo: Euro 15,00

www.minervaedizioni.com


enricoabenavoli@tiscali.it
 

IL DESERTO IN IMMAGINI

Solo. Con la voglia e la paura di conoscere, con la forza e la debolezza che abita ogni essere, Enrico Abenavoli intraprende un viaggio tra realtÓ ed immaginazione, in luoghi remoti del mondo e dell’anima. “Solo - dall’Atakor al Grande Erg -” Ŕ il titolo del nuovo libro – presentato a Calcata il 22 settembre dell’anno corrente -, del fotografo romano Enrico Abenavoli, che con il suo peculiare vigore, riporta impressioni e sensazioni di un viaggio irripetibile.
Immagini dall’Algeria, del massiccio dell’Atakor, Hoggar e Tassili; e poi Assekrem, Djanet, Sefar, Tin Alkoum, Erg Admer, Tamanrasset, Taghit, beni Abbes, Timimoun e Brezina sino al Grande Erg Occidentale.
Un deserto pieno, ricco, atavico quello che Abenavoli descrive, saturo di forza, di vita, di energia, quella vera, quella che Ŕ riposta in angoli remoti del nostro essere, che non conosciamo o che non vogliamo conoscere. E’ la paura e insieme la frenesia della scoperta, che hanno accompagnato Abenavoli in questo viaggio lungo un attimo o una vita, un secolo o un secondo; non importa come, quando, o in che modo, ma Ŕ l’esperienza di ogni cammino e di ogni passo che conta davvero, l’istante di una sensazione che in quel momento e in quel luogo ci cattura.
E solamente la condizione della solitudine Ŕ in grado di suggerire un simile stato d’animo, di pienezza e di vitalitÓ, che si captano dalle seducenti forme delle dune e dall’incessante ritmo delle linee.
Albe e tramonti in uno spazio infinito pieno di silenzi e di suoni, che si alternano come flash nella mente dell’artista. E la paura come condizione sine qua non che rende uniche le nostre avventure, che accompagna il nostro percorso e che culla i nostri ricordi.

Benedetta Mazzanobile
ottobre
2007